Giovanni Gioviano Pontano

Giovanni Gioviano Pontano (Cerreto di Spoleto 1429 – Napoli 1503). Filosofo e uomo politico al servizio della Corona aragonese.

Fu precettore, consigliere e primo segretario del principe ereditario Alfonso, duca di Calabria.

Umanista e fine conoscitore della letteratura classica, Pontano è autore di una produzione filosofica e scientifica in versi e in prosa, che include poemi e trattati astrologici e naturalistici quali Urania (Napoli 1505), il Meteororum liber (Napoli 1505), le Commentationes in centum Ptolemaei sententias (Napoli 1512), il De rebus coelestibus (Napoli 1512) e il De luna liber (Napoli 1512), rimasto incompiuto.

La sua produzione filosofica comprende anche opere pedagogiche ed etiche, delle quali ricordiamo il De principe (Napoli 1490), il De fortitudine (Napoli 1490) e i trattati sull'etica cortigiana e sul comportamento dell'uomo di rango - De liberalitate, De beneficentia, De magnificentia e il De splendore - stampati a Napoli nel 1498, e il De magnanimitate (Napoli 1508).

Pontano ci ha lasciato anche un documento di grande valore storico, il De bello Neapolitano (Napoli 1509) che ripercorre l'andamento della guerra di Ferrante I d'Aragona contro i baroni ribelli (1458-1465).

Giovanni Gioviano Pontano (Cerreto di Spoleto 1429 - Naples 1503). Philosopher, politician and diplomat in the service of Alfonso I of Aragon.

He was tutor, counselor and then first secretary of prince Alfonso, Duke of Calabria.

Humanist and scholar of classical antiquity, Pontano is the author of a wide and important production, in verse and prose, which includes astrological and naturalistic works, such as Urania (Naples 1505), a poem; a commentary in two books on the Centiloquium of pseudo-Ptolemy (Naples 1512); the Meteororum liber (Naples 1505), another poem; De rebus ceolestibus (Naples 1512) and the text entitled De luna (Naples 1512), incomplete.

Large part of his writings in prose dealing with matters of ethics, outlining the pattern of behavior of the prince, such as De principe (Naples 1490) and De fortitudine (Naples 1490), or a pattern of behavior of the aristocrat and the courtier, such as De liberalitate (Naples 1498), De beneficentia (Naples 1498), De magnificentia (Naples 1498), De splendore (Naples 1498), De magnanimitate (Naples 1508).

It should be noted an important historical text, the De bello Neapolitano (Naples 1509), which recounts the events of the war waged by Ferrante I of Aragon against rebelled barons (1458-1465).

Urania sive de stellis libri quinque, in Opera Pontani

Poema astrologico in esametri che tratta delle costellazioni e dei loro influssi sui processi mondani.

De principe liber ad Alfonsum Calabriae ducem

Trattato etico scritto intorno al 1468, stampato a Napoli dall'editore Moravo congiuntamente al De fortitudine, nel 1490, e in edizioni successive a Venezia (1501, 1512, 1518), nuovamente a Napoli (1508), a Lione 1514, a Firenze (1520) e a Basilea (1538, 1556).

De fortuna

Trattato etico in tre libri centrato sul rapporto virtù-fortuna, pubblicato nel 1512 a Napoli, a cura di Pietro Summonte, per i tipi di Sigismund Mayr.

De fortitudine ad Alfonsum ducem Calabriae

Trattato etico che si colloca nella prima fase dell'elaborazione teorica di Pontano, risalente agli anni 1480-1490.

De conviventia

Trattatello sul comportamento dell'uomo di rango, riconducibile alla seconda fase dell'elaborazione etica di Pontano, successiva alla scrittura del De principe, del De obedientia e del De fortitudine.

Commentationes super centum sententias Ptolemaei

Edizione latina e commento in due libri del Centiloquium pseudo-tolemaico, tradotto integralmente da Pontano dalla versione originale in greco.